Today it's possibleToday it's possibleToday it's possibleToday it's possible

hero image

Il modello NextChem di Distretto Circolare Verde

Decarbonizzare riciclando: oggi è possibile grazie al Distretto Circolare Verde, cuore della transizione energetica

Il nostro Modello di Distretto Circolare Verde consente di produrre polimeri riciclati, prodotti chimici, idrogeno e carburanti a basso contenuto carbonico, riciclando la plastica e recuperando rifiuti non riciclabili.

Il modello è stato sviluppato da NextChem, società del Gruppo Maire Tecnimont, che opera nel campo della chimica verde e delle tecnologie a supporto della transizione energetica.

La roadmap di NextChem si divide in tre aree di attività: Greening the Brown – tecnologie per la riduzione delle emissioni di impianti tradizionali esistenti; Circular Economy – tecnologie per il riciclo dei rifiuti plastici e di altri materiali di scarto; Green-Green – tecnologie per la produzione di intermedi, bio-carburanti e bio-plastiche.

NextChem ha un portafoglio che include tecnologie proprietarie, tecnologie licenziate in esclusiva, piattaforme di integrazione tecnologica, servizi di EPC.

L’albero: macchina naturale perfetta, la migliore tecnologia esistente sul pianeta per il recupero dell’anidride carbonica.
L’albero: macchina naturale perfetta, la migliore tecnologia esistente sul pianeta per il recupero dell’anidride carbonica.
Oggi il mondo si sta interrogando su come integrare con soluzioni tecnologiche quella che è la funzione naturale degli alberi nel mantenimento dell’equilibrio carbonico funzionale alla stabilità climatica. Il percorso è ormai definito e si chiama “transizione energetica”: ma che cosa è esattamente la transizione energetica?
Un modello di futuro sostenibile realizzabile già oggi

Un modello di futuro sostenibile realizzabile già oggi

Una soluzione per la transizione energetica innovativa e sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico, di cui l’Italia può diventare leader in Europa e nel mondo.

Riconvertire vecchi impianti in chiave
green

Creare occupazione e nuove imprese

Il Distretto Circolare Verde porta benefici all’ambiente, all’economia e alla società

#1DecarbonizzazionePermette di produrre prodotti chimici e carburanti low carbon che consentono una riduzione delle emissioni di CO2.
#2RicicloConsente di incrementare il tasso di riciclo, riducendo l’incenerimento e lo smaltimento in discarica.
#3OccupazionePermette di riconvertire con la chimica verde siti industriali tradizionali e creare nuova occupazione.
#4Economie localiPermette di ridurre le importazioni e la dipendenza dall’estero per chemicals strategici per l’economia e promuovere indotto e nuove filiere.

Vuoi conoscere i nostri progetti?

Toscana

Il Progetto Taranto

Leggi le domande più frequenti e le relative risposte

Tra i prodotti della conversione chimica dei rifiuti c’è anche la CO2?

Sì, c’è anche una piccola quantità, intorno al 5-6%, di CO2 in uscita dal Distretto Circolare Verde, ma noi puntiamo alla neutralità carbonica del processo e dunque, sia mediante il monitoraggio dei parametri, che mediante l’integrazione del processo con idrogeno verde, stiamo progettando il completo abbattimento dell’impatto carbonico.

Quanti posti di lavoro potrebbero essere creati da ciascun Distretto Circolare Verde?

La realizzazione di un Distretto Circolare Verde consentirà la creazione di numerosi posti di lavoro tra diretti e indiretti, dedicati alla costruzione dell’impianto, durante il periodo di realizzazione.

Che tipologie di rifiuti possono essere trattate nel Distretto Circolare Verde?

Prevalentemente rifiuti plastici, CSS ma con la nostra tecnologia possiamo trattare ogni tipo di rifiuto secco, tranne ovviamente i pericolosi e gli ospedalieri. Questa tecnologia ha una grande flessibilità e permette di trattare anche rifiuti proveniente da discarica.

Il feedstock utilizzato è composto normalmente per una percentuale dal 30% al 40% da rifiuti di origine non sintetica, come il legno, gli scarti dell’industria della carta e del tessile, materiale che non può essere riciclato meccanicamente perché sporco o deteriorato e che normalmente finirebbe in discarica, ma che recuperato con questa tecnologia contribuisce a ridurre l’impronta carbonica del prodotto finale, in quanto privo di idrocarburi.

Qual è l’investimento complessivo per realizzare un Distretto Circolare Verde?

Il valore di investimento può essere stimato in 3-400 milioni di euro.

Rimani aggiornato sulle novità relative al Distretto Circolare Verde

Articolo

Il riciclo chimico bussa alle porte di Empoli: presentato in Comune il “Distretto circolare”

28 Aprile 2022
Rispoli: «Una soluzione che consente una riduzione complessiva fino al 90% della CO2 emessa in atmosfera e di produrre prodotti circolari e combustibili di seconda generazione»
News

Comunicato stampa diffuso da Alia Servizi Ambientali in data 31.03.2022

01 Aprile 2022
Nasce una "Alleanza circolare": aziende toscane e players leaders a livello internazionale partecipano all'avviso sull'impiantistica della Regione. Presentati gli studi di fattibilità di tre "Distretti Circolari” da concertare assieme ai territori, per risolvere il gap impiantistico. Oltre un miliardo di investimenti previsti.
Idrogeno a basse emissioni
News

Idrogeno a basse emissioni

24 Marzo 2022
L’idrogeno si sta affermando come elemento chiave per la transizione energetica. L’idrogeno, infatti, si posiziona al centro delle sfide legate al riscaldamento globale e le sue caratteristiche lo rendono un vettore energetico fondamentale, in quanto è utilizzabile come combustibile e come feedstock in molti processi industriali, è immagazzinabile e trasportabile per lunghe distanze.
News

Riciclo chimico e biodigestori: le nuove tecnologie per chiudere il ciclo dei rifiuti in Toscana

10 Marzo 2022
In Toscana generiamo ogni anno circa 12,25 mln di ton di rifiuti (tra urbani e speciali), a fronte di una dotazione impiantistica cronicamente insufficiente a trattarli, soprattutto per quanto riguarda le frazioni non riciclabili meccanicamente, ovvero quelle soluzioni industriali ormai tradizionali che – si pensi al caso della plastica – selezionano, triturano, lavano e infine fondono i materiali raccolti da cittadini e imprese in modo differenziato per arrivare a generare nuovi prodotti.
News

La Toscana si candida a capofila degli ecodistretti

26 Febbraio 2022
Si chiamano ecodistretti industriali e puntano a riconvertire i poli produttivi tradizionali basati sulle fonti fossili offrendo nuove opportunità economiche. Il vecchio modello produttivo lineare era basato su una sequenza lineare: estrazione di materie prime, produzione di beni di consumo, rifiuti gettati senza farsi domande sugli effetti sull'ambiente.
News

Industria, i vecchi siti diventano green

24 Gennaio 2022
Su Green&Blue di Repubblica si parla del nostro modello di Distretto Circolare Verde.
NextChem: “Distretti circolari e idrogeno, così il Pnrr può diventare green
News

NextChem: “Distretti circolari e idrogeno, così il Pnrr può diventare green

21 Gennaio 2022
L'a.d. Pierroberto Folgiero lancia un progetto di recupero di raffinerie e siti industriali
News

Produrre idrogeno dai rifiuti

05 Gennaio 2022
Produrre idrogeno dai rifiuti – ItaliaOggi.it Il processo si chiama Waste to chemical. E permette di produrre idrogeno dai rifiuti. Genova potrebbe essere la prima città in Italia a sperimentare una nuova tipologia di impianti di riciclo nella zona del porto. L’utilizzo di simili strutture, della capacità di circa 160-200 mila tonnellate, arriva dal Giappone.