ModelloModelloModelloModello

NextChem disegna un modello per un futuro low carbon e circolare, con tecnologie collaudate e sostenibili

Step 1

Il Distretto Circolare Verde può valorizzare rifiuti plastici riciclabili ma anche scarti che andrebbero altrimenti in discarica o a incenerimento

Modello - Step 1

Step 2

Una parte di rifiuti plastici possono essere riciclati meccanicamente con la nostra tecnologia di Upcycling MyReplast™, per produrre nuovi polimeri riciclati di alta qualità

Modello - Step 2

Step 3

I rifiuti plastici e secchi non riciclabili possono essere convertiti chimicamente recuperando il carbonio e l’idrogeno in essi contenuti, mediante un processo che si chiama “ossidazione parziale”, che non crea combustione e consente di ottenere un Gas Circolare™ che serve per produrre prodotti chimici e carburanti green.

Modello - Step 3

Step 4

Con il Gas Circolare™ si possono produrre idrogeno, metanolo, etanolo, ammoniaca e tanti derivati fondamentali per produrre carburanti e ogni tipo di oggetto che ci circonda.

Step 5

Il Distretto Circolare Verde può produrre anche idrogeno verde, utilizzando un processo di elettrolisi che parte dall’acqua e da energie da fonti rinnovabili. L’idrogeno può essere utilizzato come combustibile industriale e civile e sarà sempre più il carburante del futuro.

Step 6

Non è finita qui: i polimeri riciclati vengono utilizzati per produrre nuovi oggetti in plastica (come per esempio la componentistica per auto) che, una volta finito il loro ciclo di vita utile, diventeranno nuovamente rifiuti e potranno essere di nuovo riciclati.

Modello - Step 6